Come si Ricarica Postepay

Ricaricare una PostePay è un’operazione immediata e semplice eseguibile in 4 differenti modi. Come è ovvio che sia, è possibile ricaricare sia una carta personale che quella di altre persone. Per eseguire la ricarica è sufficiente conoscere il numero di carta e il nome del titolare della carta.

Per eseguire una ricarica Postepay (sia che si tratti della propria carta ricaricabile Postepay che si terze persone) mediante ufficio postale, è necessario recarsi nella filiale di Poste Italiane con il proprio documento d’identità, l’intestatario e il numero della carta da ricaricare. Per ricaricare la carta bisognerà richiedere all’impiegato il “Modulo di ricarica Postepay” da compilare con accuratezza. Una volta compilato il modulo sarà poi lo stesso operatore ad eseguire l’operazione di ricarica. Al di là dell’importo caricato su carta, la commissione sarà di solo 1 euro.Come ricaricare una carta Postepay

Chi preferisce non fare la coda allo sportello, può eseguire la ricarica direttamente on line sul portale di Poste Italiane. Accedendo al portale di Poste Italiane e cliccando sul link “Accedi ai servizi PostePay” e successivamente su “Ricarica Carta”. In questo caso i soldi verranno prelevati dalla Postepay di colui che ordina la ricarica o dal conto corrente Bancoposta. Per dar il via alla transazione sarà comunque indispensabile immettere i dati per rendere sicuro il trasferimento di denaro. La commissione per la ricarica è di 1 euro anche per ciò che concerne le ricariche online.

Da Febbraio 2012, per poter usufruire del servizio on line di ricarica Postepay di Poste Italiane, è necessario recarsi in un ufficio postale ed indicare un numero di telefono cellulare da associare alla propria carta Postepay. Questo tipo di procedura di sicurezza permette all’utente di ricevere un codice temporaneo per ogni trasferimento di denaro eseguito sul portale di Poste Italiane.

Ricaricare la Postepay mediante il circuito di pagamento Sisal è altresì vantaggioso, tuttavia presenta alcuni limiti. Non è infatti possibile ricaricare la carta per una somma superiore ai 1,000 euro, senza contare che la commissione applicata non è pari ad 1 euro ma è di 2 euro.

L’ultima possibilità di ricarica riguarda gli sportelli Postamat. In questo caso lo sportello scalerà la somma da ricaricare sulla carta indicata per il trasferimento di denaro (ricarica carta su carta).

Suggerimenti
Tutti e quattro i metodi sopra indicati sono affidabili e sicuri, sta poi all’utente scegliere quello che più si confà alle proprie caratteristiche. E’ comunque preferibile affidarsi ai servizi di Poste Italiane, meglio se quelli “offline” (ricarica allo sportello), specialmente se si trasferisce del denaro su una carta non propria.

Come Promuovere un’Attività con Instagram

Proprio come Facebook, Twitter, Pinterest e Google Plus, anche Instagram – ll’applicazione mobile acquistata da Facebook per 1 miliardo di dollari – può essere efficacemente utilizzato come strumento per aumentare la popolarità del proprio brand e come strumento di marketing. Basti pensare alla possibilità offerta da questo social network di condividere contenuti con altri utenti cui siamo già collegati attraverso Facebook, Twitter, Tumblr e Foursquare.
Ma come è possibile utilizzare questo strumento nella maniera migliore?
Diamo qui di seguito alcune linee guida che è utile tenere presente per disegnare la propria strategia di comunicazione.

Prima di iniziare a postare, abbiate l’accortezza di studiare la piattaforma e visualizzare le foto più popolari. Lasciate i vostri commenti ed iniziate a “colloquiare” con gli altri utenti per farvi conoscere anche al di fuori della cerchia delle vostre amicizie su Facebook e gli altri social network.
Condividi i tuoi post anche su Facebook, Twitter, Tumblr e Foursquare (o comunque su i social network in uso tra questi). La piattaforma di Instagram offre questa possibilità e sarebbe davvero un peccato non utilizzarla!
Come Twitter, anche su Instagram si fa ampio uso delle hashtag (#tag): utilizzale senza indugio in modo da rendere i tuoi post accessibili alla più vasta fetta di pubblico possibile

Dedicati all’attività di social media marketing con una certa continuità e non sono marginalmente nei ritagli di tempo: valgono infatti le stesse regole applicabili anche ad altre attività di SMM e, nel caso in cui non si disponga all’interno dell’azienda di una figura professionale in grado di dedicarsi a curare l’immagine aziendale a tempo pieno attraverso l’utilizzo di questi strumenti, è bene rivolgersi ad agenzie esterne qualificate in materia
Postate contenuti di qualità in grado di interessare il vostro pubblico: questa è chiaramente la regola principale da tenere a mente!

Come abbiamo visto in questa guida, anche Instagram si presta a promuovere un brand ed una determinata attività ove adeguatamente integrato con gli altri strumenti di comunicazione aziendali. E’ di fondamentale importanza oggi giorno che le aziende investano in figure professionali qualificate in grado di gestire questi strumenti, il cui utilizzo sta diventando sempre più diffuso, complice anche una sempre più naturale propensione degli utenti finali ad affidarsi ai social network per intessere relazioni più dirette non solo tra di loro ma anche con le aziende.

Come Riconoscere Euro Falsi

Le sette banconote Euro sono identiche in tutti i paesi dell’area Euro. Queste hanno corso legale in tutti gli Stati aderenti all’unione monetaria a partire dal 1° gennaio 2002.
Sul fronte delle banconote sono raffigurate finestre e portali, che simboleggiano lo spirito di apertura e cooperazione che anima l’Europa. Mentre le 12 stelle dell’Unione Europea rappresentano il dinamismo e l’armonia dell’Europa contemporanea.
Sul retro di ogni banconota è raffigurato un ponte, che è ispirato allo stile architettonico di un periodo della storia dell’arte europea. Questo è diverso per ogni singolo biglietto.

Su ogni biglietto troverete il nome della valuta scritto in caratteri latini EURO e greci EYPO, la firma di Willem F. Duisenberg, ovvero il Presidente della Banca centrale europea, la bandiera dell’Unione Europea, il simbolo del copyright e l’acronimo della Banca centrale europea nelle cinque lingue ufficiali della Comunità europea: BCE, ECB, EZB, EKT ed EKP.

Le banconote sono caratterizzate da numerosi elementi di sicurezza. Se avete dei dubbi, confrontate la banconota sospetta con un ‘altra di pari valore e della cui genuinità siete certi o utilizzate un rilevatore, un dispositivo relativamente a cui è possibile vedere questa guida sui rilevatori di banconote false.
La stampa calcografica, un particolare tipo di stampa in rilievo, è presente in molte zone delle banconote vere. Le zone da controllare sono l’acronimo della Banca centrale europea nelle cinque lingue ufficiali della Comunità Europea, le cifre indicanti il valore delle banconote ed i motivi architettonici delle finestre e dei portali.
Tutte queste aree della banconota sono facilmente riconoscibili al tatto grazie all’effetto rilievo che presentano.
Lungo i bordi delle banconote da 200 Euro e 500 Euro sono stati inseriti gli elementi tattili per i non vedenti.
Un’altra prova da effettuare è quella di tenere la banconota controluce. Infatti, in questo modo, è possibile verificare il registro fronte-retro, la filigrana ed il filo di sicurezza microscritto.
Nelle banconote di piccolo taglio è presente sul fronte della banconota una striscia olografica. Se muovete la banconota è possibile osservare alternarsi il simbolo dell’euro in colori brillanti oppure il valore nominale della banconota in questione.
Sul retro della banconota, invece, è presente una striscia iridescente. Se muoverete il biglietto, la striscia brillerà per effetto della luce.
Nelle banconote di grande taglio sul fronte della banconota è presente una placchetta olografica. Se muovete la banconota potrete osservare alternarsi le cifre indicanti il valore nominale, il motivo architettonico riprodotto sul biglietto oppure il simbolo dell’Euro.

Sul retro è stato utilizzato un inchiostro otticamente variabile, in inglese optically variable ink per le cifre indicanti il valore nominale.
Grazie all’aiuto di una lente d’ingrandimento vi sarà possibile vedere delle sottili iscrizioni, dette microcaratteri, che devono risultare nitide e non sfocate. Queste sono presenti sia sul fronte che sul retro
delle banconote.
Inoltre, osservando le banconote vere alla luce ultravioletta grazie alla lampada di Wood, vi sarà possibile verificare delle precise caratteristiche.
La carta della banconota sarà non fluorescente e noterete la presenza di fibrille luminescenti. Queste non sono altro che delle pagliuzze colorate di rosso, blu o verde inserite casualmente nell’impasto della carta.

Funzionamento delle Carte di Credito

Chi volesse dotarsi di una carta di credito deve prima di tutto essere intestatario di un conto corrente bancario o comunque di un conto corrente presso una società finanziaria. Solitamente le carte di credito hanno un limite di spesa che viene fissato intorno ai 3.000 euro (tetto limite che si può comunque modificare in alcuni casi) e il cui saldo si paga generalmente il giorno 15 del mese successivo.

In caso di smarrimento, le più moderne versioni di carte di credito sono anche dotate di un microchip elettronico che permettono di bloccare immediatamente la carta.

Tra le carte di credito più diffuse possiamo citare VISA, Mastercard e American Express, che consentono generalmente un pagamento ‘a saldo’. Recentemente sono nate anche altre tipologie di carte di credito chiamate revolving che consentono, invece, di pagare le proprie spese rateizzandole, ovviamente con l’aggiunta di un tasso di interesse solitamente piuttosto elevato. Le carte di debito differiscono dalle carte di credito sostanzialmente dal fatto che, quando utilizzate per prelevare denaro contante presso gli sportelli automatici o per pagare un acquisto, l’addebito viene effettuato immediatamente sul conto corrente dell’intestatario. Questo tipo di carte viene comunemente chiamato Bancomat e vengono emesse in modo praticamente automatico dall’istituto di credito al momento dell’apertura di un conto corrente. In italia una delle carte di credito più richieste è la Carta Si.

Nonostante il grande impegno messo in atto da banche e finanziarie per incrementare il livello di sicurezza di questo metodo di pagamento, purtroppo le frodi sono ancora numerose, soprattutto in paesi del mondo in cui il livello di vigilanza è inferiore. Molto importante a questo proposito è il codice di sicurezza che si trova impresso sulla carta o che viene utilizzato a mo’ di PIN, che non va assolutamente comunicato a nessuno. E’ sconsigliabile anche comunicare i numeri della propria carta di credito per telefono, via mail o nelle conversazioni chat dei programmi di instant messaging, in quanto potrebbero essere facilmente intercettati da hacker e specialisti di phishing. Il fenomeno di duplicazione delle carte di credito più frequente degli ultimi anni invece si chiama ‘skimmer’, che consente a gente senza scrupoli di effettuare una copia della carta che viene poi utilizzata ai danni del reale possessore.

Importanza del Marchio CE

Dal 1 Luglio 2006, qualsiasi importazione proveniente da paesi fuori della Comunità Europea deve essere certificata.
Qualche anno fa è nato il marchio CE, una garanzia di standard di qualità e sicurezza per i prodotti circolanti all’interno della Comunità.
A quel punto le aziende cinesi si sono ritrovate con quest’ostacolo, come lo potevano aggirare? Semplice, oltre ai prodotti ci copiano pure il marchio di garanzia; nasce così simbolo CE, China Export. Non c’è che dire, bisogna riconoscere la genialità.

Adesso anche i loro prodotti hanno il marchio CE e i loro beni possono circolare in Europa. Ovviamente non è legale, perchè inganna, è difficile distinguere i due simboli.
Tuttavia, c’è un modo per riconoscere il nostro marchio.
Il marchio C E come Comunità Europea ha più spazio tra le lettere, come mostra la seguente immagine.

C’è uno spazio ampio tra le due lettere che è quasi pari alla C rovesciata orizzontalmente.

Il marchio CE come China Export, si presenta con spazio tra le due lettere quasi nullo.

E’ importante riconoscere il marchio sia per le aziende che per gli utenti finali.
Un’azienda potrebbe avere seri problemi nel caso provasse ad importare prodotti China Export. Verrebbe sequestrata la merce in dogana, più una multa molto ma molto salata.

L’utente finale ha anche l’interesse a comprare prodotti CE, soprattutto elettronica ed elettrodomestici. Molti sapranno dei casi di cellulari cinesi andati a fuoco, o anche lavatrici.